Come preparare i carciofini sott’olio (ricetta siciliana)

I carciofini sott’olio sono una ricetta della tradizione siciliana. Vediamo come preparare i carciofini sott’olio in casa usando gli spinosi di Menfi.

Le conserve si preparano quando i carciofi sono di stagione, la raccolta avviene a partire dalla fine di novembre fino alla fine di aprile, in questo modo si possono godere per tutto l’anno.

I carciofi sott’olio sono buoni come contorno per le cene estive o per i pranzi, aggiunti a un’insalata o come antipasto.

Per questa ricetta ho usato i carciofi spinosi di Menfi (Ag).

Lo spinoso di Menfi è famoso storicamente: si ha notizia del suo impiego in cucina almeno dall’Ottocento.

È un carciofo di dimensioni medie rispetto alle altri varietà.

Le brattee (parte centrale edibile del carciofo) dello spinoso di Menfi hanno una colorazione di base verde e un sopraccolore violetto.

Nella parte superiore sono presenti grandi spine dorate, che danno il nome a questo gustoso carciofo.

Le spine richiedono un po’ di pazienza in cucina, ma le numerose qualità dello spinoso di Menfi (è un carciofo aromatico, delicato, croccante) lo rendono adatto per la produzione sott’olio.

Grazie al suo alto contenuto di Lignina, il carciofo spinoso di Menfi non si sfalda facilmente. È davvero l’ideale da mettere sott’olio, per mangiarlo tutto l’anno.

Ricetta siciliana per preparare i carciofini sott’olio

Ingredienti

  • 1,5 chilo di carciofi spinosi di Menfi
  • 2 limoni
  • 1 litro di olio extravergine di oliva
  • 1 litro di aceto di vino bianco
  • Sedano q.b.
  • 1 litro/1 litro e mezzo di acqua (per la bollitura)

Preparazione

Pulite i carciofi spinosi di Menfi con il limone, eliminando i gambi e le foglie esterne, lasciando solo il cuore tenero.

Una volta puliti, mettete i carciofi in una ciotola con il succo di limone (questo serve per non farli annerire).

Fate bollire acqua e aceto in parti uguali. Quando si avvia la bollitura, tuffateci dentro i carciofi per 5 minuti. Scolateli e asciugateli per bene.

Condite i carciofi con olio extravergine di oliva e sedano. Se pensate di mangiarli presto, conservateli per qualche giorno in frigo.

Invece se volete fare le conserve, metteteli dentro i vasetti di vetro a chiusura ermetica.

Dopo aver sterilizzato i vasetti facendoli bollire in un pentolone insieme ai coperchi, sistemate i carciofini disponendoli all’interno dei vasetti ad uno ad uno. Unite il sedano tagliuzzato e coprite il tutto con abbondante olio extravergine d’oliva.

Conservate i vostri carciofini sott’olio in un luogo fresco e asciutto, controllando periodicamente il livello dell’olio e aggiungendolo quando necessario per i 2-3 giorni successivi alla preparazione.

Quando non avrà più bisogno di aggiunte, potete chiudere i tappi in maniera decisa.

Ricetta carciofini sott'olio | Tradizioni siciliane

Ricetta: carciofini sott’olio

Ricetta carciofini sott'olio | Tradizioni siciliane

Ricetta: carciofini sott’olio

Altre ricette siciliane con i carciofi:

(Visited 4.665 times, 2 visits today)

Related Posts

About The Author

Add Comment

error: Protetto da Copyright - TheSicilianWay.it