In Sicilia sulla “via delle spezie”: itinerario tra i profumi e gli aromi della Trinacria

Avete una irresistibile voglia di Sicilia? L’itinerario di oggi è un po’ particolare: scopriremo insieme le antiche spezie e gli aromi più utilizzati nella cucina siciliana.

Vi sono bellezze in Sicilia che catturano gli occhi, altre che incuriosiscono i palati più raffinati e curiosi, infine vi sono bellezze che si possono scoprire solo attraverso l’olfatto.

Le erbe aromatiche, le spezie, le piante selvatiche impiegate in cucina, tutte insieme costituiscono un inestimabile patrimonio di saperi antichi e di tradizioni millenarie che, a modo loro, raccontano l’isola e la fanno guardare al visitatore sotto un punto di vista nuovo, diverso.

Spezie e piante aromatiche più usate in Sicilia

Rosmarino

Dal latino Rosmarinus, il nome di questa erba aromatica assume diversi significati, “rugiada marina” o “rosa di Maria“. Quest’ultimo, pare, sia quello più appropriato poiché si narra che i suoi fiori fossero originariamente bianchi e diventarono azzurro-viola come il mantello di Maria dopo che la Vergine, durante la Fuga in Egitto, gettò il suo manto su un cespuglio di rosmarino, che ne assorbì il colore.

Utilizzato per le sue molteplici proprietà già dai Greci e dagli Egizi, il rosmarino ancora oggi diffonde il suo profumo nella campagna siciliana e dai balconi delle massaie sicule.

E’ un arbusto facente parte della famiglia delle Lamiaceae. Dall’odore pungente ma mai banale, cresce spontaneamente in tutta la costa mediterranea e raggiunge fino ai 200 cm di altezza.

In Sicilia sulla "via delle spezie": itinerario tra i profumi e gli aromi della Trinacria

Rosmarino | Spezie siciliane

Anticamente veniva utilizzato come amuleto contro i malefici e per preservare le case dalle cattive persone, ma ben presto, quando si acquisì la conoscenza sulle sue molteplici proprietà curative, venne utilizzato per contrastare reumatismi e calvizie.

Utilizzato principalmente per insaporire gli arrosti, lo ritroviamo in diversi piatti tipici siciliani, ad esempio, nel castrato alla messinese, nel coniglio all’arrabbiata, e in molti altri piatti, soprattutto a base di carne.

Origano Selvatico

Un’altra spezia che ritroviamo in molti piatti tipici siciliani è l’Origano selvatico.

Il nome scientifico attuale, Origanum vulgare, viene in realtà dal Greco (òros, cioè “monte” e ganào, cioè “io mi compiaccio”, termini che, messi insieme, alludono all’idea di “delizia della montagna“).

L’origano è un arbusto che predilige i luoghi assolati e siccitosi e può crescere fino a 80 centimetri di altezza. Dall’odore forte ma gradevole, ha un sapore delicato e viene spesso utilizzato per condire insalate e carni alla brace.

In Sicilia sulla "via delle spezie": itinerario tra i profumi e gli aromi della Trinacria

Origano | Spezie siciliane

Famoso è il Salmoriglio siciliano, una salsa composta da olio extravergine di oliva, sale, aceto e origano che accompagna le grigliate di carne o di pesce. Usuale è, inoltre, utilizzare un mazzolino di origano per “bagnare” la carne da cuocere sulla griglia.

Nell’Antica Grecia veniva considerato un simbolo di prosperità e fertilità e, per questa ragione, l’origano veniva utilizzato come ghirlanda per ornare il capo dei futuri sposi. Oggi grazie alle sue proprietà antisettiche e stimolanti viene spesso utilizzato come rimedio naturale contro la tosse ed altre patologie respiratorie, oltre che per le sue doti culinarie.

Alloro

L’alloro una pianta sempreverde dalle foglie ovali e lucide. Facente parte della famiglia delle Lauraceae, cresce spontaneamente nelle zone collinari e nei boschi.

Ricco di proprietà antisettiche e digestive viene utilizzato in cucina per preparare decotti contro il meteorismo o per ridurre l’acidità di alcune pietanze (basta, infatti, aggiungere qualche fogliolina di alloro nel ragù per renderlo più leggero e appetitoso).

In Sicilia sulla "via delle spezie": itinerario tra i profumi e gli aromi della Trinacria

Alloro | Spezie siciliane

Per realizzare il decotto, basta aggiungerne un po’ in un pentolino con dell’acqua e limone, portare tutto ad ebollizione, lasciare riposare per circa 15 minuti, filtrare e servire con dello zucchero.

Nell’Antica Grecia l’alloro era l’emblema della sapienza e della vittoria, per questo viene ancora oggi utilizzato, in una corona ornativa, durante la celebrazione della Laurea. Si crede, inoltre, che appendere una ghirlanda d’alloro, confezionata di domenica, sulla soglia di casa pare favorisca la fortuna e la buona sorte.

Menta

La menta un’erba aromatica facente parte della famiglia della Labiate. Predilige i luoghi soleggiati e può raggiungere fino i 50 centimetri di altezza.

Dall’odore pungente e fresco viene utilizzata in molte ricette siciliane (per esempio, per preparare le ricetta delle zucchine alla menta), soprattutto per condire verdure arrostite, pesce o semplici insalate.

In Sicilia sulla "via delle spezie": itinerario tra i profumi e gli aromi della Trinacria

Menta | Spezie siciliane

Grazie alle sue proprietà sedative e disinfettanti viene spesso utilizzata sotto forma di tisana e decotto.

La menta un’erba che ha origine antichissime. Si narra, infatti, che il nome stesso derivi da Myntha, ninfa di rara bellezza, che venne trasformata in pianta erbacea dalla moglie gelosa di Plutone, Proserpina.

Il suo profumo, profondo e penetrante, è proprio il dono di Plutone, creato per ricordala nel tempo.

Fondamentale è l’alcol proveniente da questa pianta, il Mentolo, che viene spesso utilizzato per combattere i disturbi gastro-intestinali e come disinfettante sulla cute.

Basilico

Il nome di questa pianta aromatica viene dal Greco Basilikos, che significa “erba del re”. Il basilico è considerata la pianta “reale” per eccellenza. Dall’aroma sobrio ed elegante, il basilico regala ai piatti un tocco di leggerezza e fragranza.

Proveniente dall’antica India, ha acquisito notevole importanza lungo le coste del Mediterraneo, tanto da esser coltivato anche in Italia ed utilizzato in moltissime ricette. Oltre al famoso pesto, con il basilico è possibile condire insalate, primi piatti, secondi, contorni e chi più ne ha, più ne metta.

Anticamente presso gli Egizi veniva utilizzato durante l’imbalsamazione dei defunti, mentre i Greci e i Romani custodivano gelosamente le piante di basilico, perché in grado di allontanare maledizioni e fati funesti.

In Sicilia sulla "via delle spezie": itinerario tra i profumi e gli aromi della Trinacria

Basilico | Spezie siciliane

Oggi, grazie alle conoscenze acquisite, sappiamo che il basilico è ricco di proprietà antibatteriche e antinfiammatorie ed è indicato contro il raffreddore e per contrastare lo stress. Inoltre il suo profumo raffinato aiuta la concentrazione e rilassa il sistema nervoso.

Capperi

I capperi sono i boccioli commestibili della pianta del cappero. Oltre ai boccioli, ma più raramente, si consumano anche i frutti, noti come cucunci.

I capperi si ricavano dalla pianta Capparis Spinosa, appartenente alla famiglia delle Capparidaceae. I capperi crescono spontaneamente nell’area mediterranea e si distinguono per i fiori bianchi. Quelli che noi mangiamo come capperi non sono altro che i boccioli non aperti. Essi non possono esser consumati freschi perché possiedono un sapore amaro, per cui vengono messi in salamoia con del sale e successivamente conservati per essere consumati.

In Sicilia abbiamo diverse varietà di capperi, le principali sono: quello eoliano tipico dell’arcipelago dell’Eolie, quello spinoso prodotto nell’entroterra, il cappero ibleo ed infine il cappero pantesco coltivato a Pantelleria. A quest’ultimo è stata conferita la certificazione d’Indicazione Geografica Protetta (IGP) poiché, data l’origine vulcanica del terreno, ha un sapore particolare e non riscontrabile in nessun’altra parte del mondo.

In Sicilia sulla "via delle spezie": itinerario tra i profumi e gli aromi della Trinacria

Capperi | Spezie siciliane

Ricchi di antiossidanti, i capperi vengono consumati in diverse ricette siciliane per dare più gusto sia alla verdura, che al pesce e alla carne. Qualche esempio? Il baccalà alla siciliana, lo stoccafisso a’ ghiotta alla messinese, il coniglio alla stimpirata, la caponata alla siciliana, e molte altre specialità tipiche della Trinacria.

Salvia

Appartenente alla famiglia delle Labiatae , la Salvia si presenta come un arbusto sempreverde dalle foglie larghe e vellutate. Il nome deriva dal latino Salvus, da intendere nel significato di “sano“.

La Salvia è una pianta che vanta molte proprietà curative e, per tale ragione, veniva utilizzata anticamente come rimedio naturale contro febbre e tosse. Passare qualche fogliolina fresca di Salvia sui denti, è un ottimo modo di pulirli quando non si ha lo spazzolino a portata di mano.

Per i Romani, la Salvia era una pianta sacra, la cui raccolta era destinata a pochi eletti tramite rito propiziatorio.

In Sicilia sulla "via delle spezie": itinerario tra i profumi e gli aromi della Trinacria

Salvia | Spezie siciliane

Oggi la Salvia viene utilizzata per insaporire cibi e pietanze, in particolar modo i legumi e le verdure, o per aromatizzare i piatti di carne. La Salvia è ottima anche fritta in pastella: è un antipasto sfizioso e saporito.

Data la sua particolare azione purificante viene impiegata per la cura della pelle e dei capelli, mentre anticamente si pensava che bruciare qualche foglia di salvia in casa eliminasse energie negative negli ambienti.

Peperoncino rosso

L’ultimo ma non meno importante tra le spezie più usate in Sicilia è il peperoncino rosso.

Sensuale ed eccitante, col suo gusto piccante, dona ai piatti corposità e sapore.

Importato da Cristoforo Colombo dall’America, il peperoncino rosso era utilizzato anticamente dagli indiani del Perù e del Messico. Appartiene alla famiglia delle Solanacee e ne esistono diverse varietà, più o meno differenti nella forma e nel gusto. Quello più utilizzato nella cucina siciliana e mediterranea è sicuramente quello rosso.

In Sicilia sulla "via delle spezie": itinerario tra i profumi e gli aromi della Trinacria

Peperoncino | Spezie siciliane

Il peperoncino rosso  è utilizzato per arricchire primi e secondi piatti, ma anche per le conserve, poiché favorisce la conservazione delle proprietà degli alimenti.

Ricco di proprietà anticoagulanti, il peperoncino è molto utilizzato per favorire la circolazione sanguigna e contrastare le malattie cardio-vascolari.

Dalla forma simile, il peperoncino è associato idealmente al corno portafortuna, tant’è che era usuale appendere dei mazzetti di peperoncino sull’uscio di casa come talismano per allontanare disgrazie e maldicenze.

Queste sono solo alcune delle spezie e delle erbe aromatiche che vengono impiegate in cucina, in particolare in quella siciliana, e che, come abbiamo visto, non donano solo sapore e gradimento alle pietanze, ma sono fondamentali per la nostra salute date le loro proprietà benefiche e curative.

In Sicilia sulla "via delle spezie": itinerario tra i profumi e gli aromi della Trinacria

Spezie e erbe aromatiche siciliane

In Sicilia sulla "via delle spezie": itinerario tra i profumi e gli aromi della Trinacria

Spezie e erbe aromatiche siciliane

(Visited 307 times, 1 visits today)

Related Posts

About The Author

Add Comment

error: Protetto da Copyright - TheSicilianWay.it